Motore a corrente continua - www.cearmotors.com

Motore a corrente continua

Punti di forza del motore a corrente continua


Motore a corrente continua

Flessibilità, affidabilità, risparmio energetico

Vantaggi per l’utilizzatore

L’azionamento a corrente continua presenta numerosi vantaggi che si traducono in una maggiore economicità di impianto e di esercizio:

  • Facilità di controllo e di programmazione del convertitore: soluzioni semplici a complessi problemi di regolazione
  • Ampia gamma di velocità uniforme fino a valori molto bassi: adattabilità a tutte le esigenze di servizio
  • Regolazione di velocità a coppia/potenza costante: riduzione della taglia e delle dimensioni del convertitore
  • Elevata risposta dinamica: motori caratterizzati da bassa inerzia e quindi da cicli di lavoro più rapidi e correnti di avviamento più basse; adattabilità a processi con rapide variazioni di carico e di velocità
  • Rotazione regolare: minimo stress meccanico del sistema
  • Costruzione compatta: notevole risparmio di spazio
  • Risparmio di energia: sia il motore che il convertitore hanno un elevato rendimento; possibilità di lavorare con recupero di energia in rete
  • Rispetto delle direttive sulla compatibilità elettromagnetica: risparmio sui sistemi di riduzione delle emissioni elettromagnetiche
  • Alta affidabilità con un ridotto programma di manutenzione programmata, risparmiando sui costi
  • Facile reperibilità dei componenti con sensibili riduzioni di fermo impianto.

A tutti questi vantaggi va aggiunto il minor costo di acquisto del sistema e della relativa messa in servizio.
Negli ultimi 30 anni, i motori a corrente continua hanno trovato un impiego sempre più diffuso tanto che oggi non esiste macchina operatrice che non utilizzi questo tipo di motore. Il motore a corrente continua si è imposto sempre più in tutto il mondo per le sue caratteristiche che ne fanno, ancora oggi, il sistema più semplice, affidabile ed economico esistente sul mercato.

Economicità

Non c’è dubbio che una scelta razionale e non di moda fa pendere molto spesso la bilancia verso la corrente continua sia per ragioni di costo che di affidabilità. È noto che un confronto economico fra prodotti alternativi, per essere obiettivo, deve prendere in considerazione sia il costo dell’investimento iniziale sia il Life Cycle Cost (costi di manutenzione e costi dell’energia dovuti alle perdite). È altrettanto noto che la valutazione economica complessiva di payback in tempi accettabili è decisamente a favore della corrente continua per la maggior parte delle applicazioni tradizionali.

Semplicità d’uso

Il motore a corrente continua è estremamente facile da utilizzare e da controllare, grazie alla semplice relazione tra la tensione e la velocità che ne caratterizza il funzionamento. L’evoluzione tecnologica e l’user friendly degli attuali convertitori digitali ca/cc, molto facili da programmare ha contribuito, inoltre, a ridurre fortemente i tempi di messa in servizio e ad ottimizzare con estrema semplicità le prestazioni globali di impianto in rapporto alle reali condizioni di esercizio. I motori a corrente continua sono così diffusi e conosciuti che oggi, in ogni parte del mondo, la gran parte dei tecnici è in grado di metterli in esercizio con facilità e farne la relativa manutenzione in tempi rapidi.

Affidabilità

Il sistema motore a corrente continua e convertitore statico presenta un’elevata affidabilità in tutte le condizioni d’uso. Un programma di manutenzione ben impostato permette di ottenere una grande regolarità di funzionamento e una elevatissima disponibilità nel tempo. Va segnalato, inoltre, che i convertitori ca/cc, non sollecitando l’isolamento del motore con elevati picchi di tensione, contribuiscono ad allungare in modo rilevante la sua durata. Le nuove tecnologie ed i recenti progressi nella progettazione dei motori di nuova generazione hanno permesso di ottenere macchine che, a parità di caratteristiche e con dimensioni più ridotte, si dimostrano ancora più affidabili in tutte le loro parti ed in particolare nel sistema collettore-spazzole.

Regolazione della velocità

Una delle più importanti caratteristiche dei sistemi a corrente continua è l’estrema facilità con la quale si può variare la velocità del motore, mantenendo costante la coppia o la potenza e permettendo un notevole risparmio sul dimensionamento del convertitore. L’estrema versatilità nella regolazione rende il sistema in c.c. di gran lunga preferibile rispetto ad altre soluzioni alternative, soprattutto nelle applicazioni dove sono richieste alte precisioni di velocità ed alte coppie ai bassi giri (macchine per carta, stampa…), elevati sovraccarichi (estrusori, mixer….), rapide accelerazioni (cesoie volanti, gru….), o funzionamento a potenza costante (avvolgitori…).

Ingombro ridotto (elevato rapp. potenza/peso)

I motori a corrente continua a carcassa laminata presentano un rapporto molto elevato fra potenza e peso. Rappresentano, quindi, la soluzione ideale per un’integrazione nei macchinari. Essi consentono, infatti, un guadagno di spazio e l’utilizzo di strutture più leggere.Questa caratteristica è particolarmente apprezzata nelle applicazioni con strutture mobili. La costruzione modulare del motore, inoltre, ne permette un inserimento anche in spazi molto ridotti. L’apparecchiatura di potenza e di controllo, comporta, a parità di potenza, un ingombro nettamente inferiore a quello di un inverter.

Scarso impatto sull’ambiente

Il motore a corrente continua è in genere molto silenzioso in tutto il campo di regolazione grazie alla forma di tensione applicata ai suoi capi dal convertitore c.c. che non si basa sul principio dell’alta frequenza di commutazione. Sempre per lo stesso motivo la soluzione in corrente continua ha un minore impatto ambientale dovuto alla compatibilità elettromagnetica (direttiva Europea 89/336 EEC e successivi emendamenti) che semplifica fortemente le procedure per la marcatura CE anche per i sistemi complessi.